Un sigaro con Raige Music

Attivo dal 1999, colonna dei One Mic dal 2003 e da poco fuori con il singolo Domani, oggi incontriamo Raige.

Partiamo dagli inizi, come ti sei avvicinato al rap?

Tutto è partito da scuola, i ragazzi più grandi ricordo che ascoltavano Neffa e da lì ho cominciato ad avvicinarmi a questo genere.

Nel 2003 con Rayden e tuo fratello Ensi avete formato i One Mic, come è nata questa collaborazione?

Nel modo più naturale possibile, già facevamo qualcosa assieme e quindi abbiamo semplicemente dato vita all’idea di condividere un microfono in tre.

Nuovo singolo fuori, quanto manca al disco?

Molto poco in realtà, il disco uscirà a settembre, a luglio ci sarà un nuovo video che anticiperà il singolo ufficiale ed il disco a settembre.

Con tuo fratello immagino vi sentiate spesso, il tuo rapporto con Rayden?

Ci conosciamo da quando eravamo bambini, ci sentiamo spesso e quando possiamo ci vediamo, oltre al rapporto lavorativo c’è un rapporto d’amicizia.

Tanti emergenti nell’ultimo periodo specie al nord, un nome che ti ha colpito?

Non seguo molto la scena rap ma se parliamo di artisti emergenti, posso dire tranquillamente Yota.

Un ricordo particolare legato alla tua carriera?

Ci sono tanti bei ricordi, uno dei più belli è l’esperienza del primo tour.

Un rapper con il quale ti piacerebbe lavorare in futuro?

Ti dico un nome americano: Drake.

Nome invece non legato alla scena?

Sceglierei Marco Mengoni.

Grazie per l’intervista ed in bocca a lupo.

Grazie a voi.